Home page

giovedì 29 maggio 2014

Lista dei partecipanti alla riunione del Gruppo Bilderberg 2014

Ecco la lista dei partecipanti all’incontro del Gruppo Bilderberg, che si terrà dal 29 maggio al 1 giugno 2014 all’Hotel Marriot (foto a sinistra) a Copenhagen in Danimarca.
Fra gli italiani invitati figurano gli onnipresenti l'ex premier Mario Monti, Franco Bernabè (ex di ENI e Telecom), John Elkann (presidente Fiat), e la new entry, la giornalista Monica Maggioni direttrice di RaiNews.

FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group
DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG
DEU Ackermann, Josef Former CEO, Deutsche Bank AG
GBR Agius, Marcus Non-Executive Chairman, PA Consulting Group
FIN Alahuhta, Matti Member of the Board, KONE; Chairman, Aalto University Foundation
GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc
USA Alexander, Keith B. Former Commander, U.S. Cyber Command; Former Director, National Security Agency
USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore
FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA
DEU Asmussen, Jörg State Secretary of Labour and Social Affairs
HUN Bajnai, Gordon Former Prime Minister; Party Leader, Together 2014
GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer
PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman, Impresa SGPS
FRA Baroin, François Member of Parliament (UMP); Mayor of Troyes
FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP
USA Berggruen, Nicolas Chairman, Berggruen Institute on Governance
ITA Bernabè, Franco Chairman, FB Group SRL
DNK Besenbacher, Flemming Chairman, The Carlsberg Group
NLD Beurden, Ben van CEO, Royal Dutch Shell plc
SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs
NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA
INT Breedlove, Philip M. Supreme Allied Commander Europe
AUT Bronner, Oscar Publisher, Der STANDARD Verlagsgesellschaft m.b.H.
SWE Buskhe, Håkan President and CEO, Saab AB
TUR Çandar, Cengiz Senior Columnist, Al Monitor and Radikal
ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA
FRA Chalendar, Pierre-André de Chairman and CEO, Saint-Gobain
CAN Clark, W. Edmund Group President and CEO, TD Bank Group
INT Coeuré, Benoît Member of the Executive Board, European Central Bank
IRL Coveney, Simon Minister for Agriculture, Food and the Marine
GBR Cowper-Coles, Sherard Senior Adviser to the Group Chairman and Group CEO, HSBC Holdings plc
BEL Davignon, Etienne Minister of State
USA Donilon, Thomas E. Senior Partner, O’Melveny and Myers; Former U.S. National Security Advisor
DEU Döpfner, Mathias CEO, Axel Springer SE
GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc
FIN Ehrnrooth, Henrik Chairman, Caverion Corporation, Otava and Pöyry PLC
ITA Elkann, John Chairman, Fiat S.p.A.
DEU Enders, Thomas CEO, Airbus Group
DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S
USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER
CAN Ferguson, Brian President and CEO, Cenovus Energy Inc.
GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc
ESP García-Margallo, José Manuel Minister of Foreign Affairs and Cooperation
USA Gfoeller, Michael Independent Consultant
TUR Göle, Nilüfer Professor of Sociology, École des Hautes Études en Sciences Sociales
USA Greenberg, Evan G. Chairman and CEO, ACE Group
GBR Greening, Justine Secretary of State for International Development
NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University
USA Hockfield, Susan President Emerita, Massachusetts Institute of Technology
NOR Høegh, Leif O. Chairman, Höegh Autoliners AS
NOR Høegh, Westye Senior Advisor, Höegh Autoliners AS
USA Hoffman, Reid Co-Founder and Executive Chairman, LinkedIn
CHN Huang, Yiping Professor of Economics, National School of Development, Peking University
USA Jackson, Shirley Ann President, Rensselaer Polytechnic Institute
USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard
USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners
USA Karp, Alex CEO, Palantir Technologies
USA Katz, Bruce J. Vice President and Co-Director, Metropolitan Policy Program, The Brookings Institution
CAN Kenney, Jason T. Minister of Employment and Social Development
GBR Kerr, John Deputy Chairman, Scottish Power
USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.
USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa
TUR Koç, Mustafa Chairman, Koç Holding A.S.
DNK Kragh, Steffen President and CEO, Egmont
USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.
USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute
CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group
INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund
BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group
USA Li, Cheng Director, John L.Thornton China Center,The Brookings Institution
SWE Lifvendahl, Tove Political Editor in Chief, Svenska Dagbladet
CHN Liu, He Minister, Office of the Central Leading Group on Financial and Economic Affairs
PRT Macedo, Paulo Minister of Health
FRA Macron, Emmanuel Deputy Secretary General of the Presidency
ITA Maggioni, Monica Editor-in-Chief, Rainews24, RAI TV
GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel LLP
USA McAfee, Andrew Principal Research Scientist, Massachusetts Institute of Technology
PRT Medeiros, Inês de Member of Parliament, Socialist Party
GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist
GRC Mitsotaki, Alexandra Chair, ActionAid Hellas
ITA Monti, Mario Senator-for-life; President, Bocconi University
USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation
CAN Munroe-Blum, Heather Professor of Medicine and Principal (President) Emerita, McGill University
USA Murray, Charles A. W.H. Brady Scholar, American Enterprise Institute for Public Policy Research
NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of the
ESP Nin Génova, Juan María Deputy Chairman and CEO, CaixaBank
FRA Nougayrède, Natalie Director and Executive Editor, Le Monde
DNK Olesen, Søren-Peter Professor; Member of the Board of Directors, The Carlsberg Foundation
FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc; Chairman, Outokumpu Plc
TUR Oran, Umut Deputy Chairman, Republican People’s Party (CHP)
GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer
FRA Pellerin, Fleur State Secretary for Foreign Trade
USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute
USA Petraeus, David H. Chairman, KKR Global Institute
CAN Poloz, Stephen S. Governor, Bank of Canada
INT Rasmussen, Anders Fogh Secretary General, NATO
DNK Rasmussen, Jørgen Huno Chairman of the Board of Trustees, The Lundbeck Foundation
INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission
USA Reed, Kasim Mayor of Atlanta
CAN Reisman, Heather M. Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.
NOR Reiten, Eivind Chairman, Klaveness Marine Holding AS
DEU Röttgen, Norbert Chairman, Foreign Affairs Committee, German Bundestag
USA Rubin, Robert E. Co-Chair, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury
USA Rumer, Eugene Senior Associate and Director, Russia and Eurasia Program, Carnegie Endowment for International Peace
NOR Rynning-Tønnesen, Christian President and CEO, Statkraft AS
NLD Samsom, Diederik M. Parliamentary Leader PvdA (Labour Party)
GBR Sawers, John Chief, Secret Intelligence Service
NLD Scheffer, Paul J. Author; Professor of European Studies, Tilburg University
NLD Schippers, Edith Minister of Health, Welfare and Sport
USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.
AUT Scholten, Rudolf CEO, Oesterreichische Kontrollbank AG
USA Shih, Clara CEO and Founder, Hearsay Social
FIN Siilasmaa, Risto K. Chairman of the Board of Directors and Interim CEO, Nokia Corporation
ESP Spain, H.M. the Queen of
USA Spence, A. Michael Professor of Economics, New York University
FIN Stadigh, Kari President and CEO, Sampo plc
USA Summers, Lawrence H. Charles W. Eliot University Professor, Harvard University
IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International;
SWE Svanberg, Carl-Henric Chairman, Volvo AB and BP plc
TUR Taftalı, A. Ümit Member of the Board, Suna and Inan Kiraç Foundation
USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital
DNK Topsøe, Henrik Chairman, Haldor Topsøe A/S
GRC Tsoukalis, Loukas President, Hellenic Foundation for European and Foreign Policy
NOR Ulltveit-Moe, Jens Founder and CEO, Umoe AS
INT Üzümcü, Ahmet Director-General, Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons
CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis International
FIN Wahlroos, Björn Chairman, Sampo plc
SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB
SWE Wallenberg, Marcus Chairman of the Board of Directors, Skandinaviska Enskilda Banken AB
USA Warsh, Kevin M. Distinguished Visiting Fellow and Lecturer, Stanford University
GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times
USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company
NLD Zalm, Gerrit Chairman of the Managing Board, ABN-AMRO Bank N.V.
GRC Zanias, George Chairman of the Board, National Bank of Greece
USA Zoellick, Robert B. Chairman, Board of International Advisors, The Goldman Sachs Group

mercoledì 28 maggio 2014

Dietologi e nutrizionisti televisivi: più danni della guerra

Esaltano un particolare componente di un determinato alimento, celando per ignoranza o malafede i danni che può produrre nel suo complesso

 A cura di Franco Libero Manco

Io non sono medico, non sono chimico, non sono biologo, ma ho letto biblioteche intere di testi di ricercatori e scienziati indipendenti di chiara fama mondiale, che riguardano la scienza della nutrizione e l’anatomia comparata e ho capito che l’informazione pubblica in materia di alimentazione è in gran parte falsa e fuorviante e che questo genera un danno enorme in quella parte di popolazione che ancora crede che i media siano al servizio della gente.
I  punti fondamentali sui quali si basa la pseudo scienza nutrizionale dei dietologi e nutristi televisivi sono:
“Occorre mangiare un po’ di tutto, ma con moderazione“.Questa sembra sia la grande scoperta di gran parte dei nutrizionisti moderni. E’ proprio l’abitudine a mangiare un po’ di tutto la causa delle peggiori patologie che stanno flagellando il genere umano. Da quando l’essere umano per estreme necessità di sopravvivenza è stato costretto a mangiare anche la carne (incompatibile con la sua natura di essere fruttariano)  si sono sviluppate tutte quelle malattie che hanno fatto della specie umana la specie animale più ammalata del pianeta.
Nessuno nutrizionista raccomanda di consumare frutta e verdura con moderazione: cosa che invece avviene nei confronti di prodotti animali e questo  lascia intendere che sono sicuramente dannosi.
Chi stabilisce il giusto quantitativo considerato “moderato”? Naturalmente i dietologi che da questa falsa esigenza catturano potenziali sprovveduti bisognosi di qualcuno che gli indichi cosa, come e quanto mangiare.
La carne, il pesce e tutti i prodotti di derivazione animale sono come le sigarette: poche fanno male, molte fanno malissimo.
Tutto il mondo animale dipende da quello vegetale: niente erba niente erbivori, niente erbivori niente carnivori (niente erba niente gazzella, niente gazzella niente leone).
I carnivori traggono gli aminoacidi necessari a costruire le loro proteine dalla carne degli erbivori abbattuti che a loro volta l’hanno tratta dai vegetali. Dunque gli aminoacidi della carne degli erbivori sono di seconda mano. I veri aminoacidi sono solo quelli contenuti nei vegetali.
Allora tu, dietologo o nutrizionista male informato o in malafede, che affermi che le proteine della carne degli animali sono necessarie a costruire i nostri muscoli, spiegaci, come fa il bue, il bisonte, il rinoceronte, il cavallo a fabbricare le sue possenti masse muscolari mangiando solo erba?!
“I prodotti animali  sono necessari per mantenersi in salute”.Se fossero necessari o utili come si spiega l’eccellente salute di coloro che non ne fanno uso, molti fin dalla nascita? Almeno 2,5 miliardi di individui sulla faccia della terra, per motivazioni diverse, sono vegetariani e godono di una salute migliore dei cosiddetti onnivori umani. Popolazioni come i greci, gli spartani, gli etruschi, gli egiziani, gli indiani, i romani hanno costruito i loro imperi e le loro civiltà con un’alimentazione fondamentalmente vegetariana. Gli uomini più colti e più illuminati della terra (iniziati, mistici, santi, filosofi, scienziati ecc.) erano e sono vegetariani.
“Le proteine animali sono migliori perché di alto valore biologico”.L’organismo  umano ha bisogno delle proteine animali come il leone ha bisogno  dall’erba. Tutti gli aminoacidi di cui necessita il nostro organismo si trovano, senza alcuna eccezione, nel mondo vegetale, e non serve abbinare pasta e fagioli o riso e piselli. Il cavallo, la mucca, il toro ecc. non abbina cereali e legumi per costruire le sue proteine.
La cosa più insensata è consumare carne per i suoi eventuali aminoacidi essenziali, dimenticando gli effetti collaterali che tutti i prodotti animali e derivati possono causare al nostro organismo: è come considerare benèfico ingoiare una miscela di pezzi di vetro, metallo, roccia, sabbia ed ogni altra sostanza dannosa solo perché questa contiene anche briciole di pane.
“L’uomo è onnivoro, quindi può e deve mangiare di tutto”.E’ come considerare tossicomane per natura il genere umano perché gran parte dell’umanità usa drogarsi. Da quando l’essere umano, per necessità di sopravvivenza, si è abituato a mangiare anche la carne ne paga le conseguenze con lo sviluppo di tutte le malattie tipiche della specie umana che hanno ridotto ad un terzo la lunghezza della sua esistenza.
Tutti gli animali in circostanze di penuria alimentare mangiano anche sostanze non proprio compatibili con la loro natura, pur restando carnivori, erbivori o frugivori.
La mucca oltre a l’erba mangia quantitativi infinitesimali di insetti, ma se gli insetti diventassero il suo pasto principale le conseguenze sarebbero devastanti per la sua salute.  Il leone non mangia solo carne ma anche i vegetali che trova nello stomaco (e non solo) delle prede; ma se questi diventassero il suo pasto principale le conseguenze per la sua salute sarebbero letali. Le scimmie antropomorfe, fruttariane, oltre alla frutta mangiano anche verdure, semi e minuscoli insetti che si trovano sulla superficie dei vegetali. Ma se mangiassero sistematicamente prodotti di derivazione animale, ben presto svilupperebbero le stesse malattie della specie umana e molto probabilmente sarebbero destinate all’estinzione.
“L’uomo ha sempre mangiato la carne”.E ha sempre sbagliato. Anche la guerra è stata sempre fatta dall’uomo, non per questo la possiamo considerare come un’abitudine da applicare e conservare.
In ogni caso non è affatto vero che l’essere umano si sia da sempre  nutrito di animali. Negli ultimi millenni la carne è stata un prodotto accessibile solo ai benestanti, mentre il popolo la consumava solo in circostanze rituali. Per questo i poveri godevano di una salute migliore dei ricchi sovente colpiti dalla terribile gotta.
In ogni caso i nostri antichi progenitori, dopo il 70-80% circa della loro esistenza nella foresta intertropicale (cioè per 3-4 milioni di anni)  a causa delle cambiate condizioni climatiche si dovettero adattare a mangiare di tutto, subendo le suddette catastrofiche conseguenze, non solo sul piano della salute fisica ma mentale e soprattutto emotiva: da quel momento l’essere umano si abituò all’idea dell’uccisione, alla vista del sangue, all’indifferenza verso la sofferenza altrui, con danni incalcolabili per l’evoluzione della specie.
“Occorre consumare pesce per garantirsi l’Omega 3”.Solo alcuni tipi di pesce contengono modeste quantità di omega 3, e a alle seguenti condizioni: che il pesce sia fresco, che non sia da allevamento e che si sia nutrito con alghe: sardine, anguilla, aringa, salmone, tonno, sgombro, spigola e orata. Il resto del mondo marino contiene solo percentuali trascurabili di omega 3, mentre l’universo vegetale ne è altamente più ricco: olio di lino,  semi di lino, olio di canapa, soia, noci, germe di grano ecc. Inoltre. Il pesce per motivi di sicurezza e gusto deve essere cotto, e la cottura denàtura gli omega 3, e li rende inservibili, oltre ad inattivare gli enzimi digestivi. Naturalmente i nutrizionisti dimenticano di dire che il pesce è spesso più dannoso della carne perché ricco di grassi saturi, colesterolo, purine e metalli pesanti di ogni tipo.
“I vegetariani possono andare incontro ad alcune carenze, mentre per  i vegani la situazione è più pericolosa a causa della probabile carenza di vitamina B12, Ferro, Calcio, o vitamina D”.La carenza di vit. B12 è l’ultimo dei problemi dei vegani in quanto preferiscono assumere un integratore in pasticca, settimanale o mensile, piuttosto che correre il rischio di subire gli inevitabili effetti collaterali dei prodotti animali.
E’ molto meglio che un vegano su un milione corra il rischio di sviluppare carenza di tale vitamina, piuttosto che mangiare la carne e avere una probabilità su due di morire di infarto, una su tre di morire di cancro, una su sei di tumore alla prostata o uno su sette di tumore alla mammella.
Il problema della carenza di vit. B12 è recente:  da quando la gente non consuma più gli alimenti al loro stato naturale non ha la possibilità di introdurre i batteri che la producono e che si trovano sulla superficie della frutta o dei vegetali.
In ogni caso il manifestarsi di tale carenza dipende dallo stato di salute di un organismo che può essere di pochi o di decine di anni: un igienista vegano/cruduista/fruttariano può vivere anche tutta la vita anche senza necessità di assumere integratori di sorta.
Per quanto riguarda il Ferro ricordiamo che nessuna specie erbivora o frugivora ha bisogno del ferro eme di derivazione animale. Il ferro non eme dei vegetali è una caratteristica di eccellenza non un difetto rispetto al ferro eme della carne, in quanto entra nel circolo sanguigno nei tempi e nei modi adatti alle esigenze del nostro organismo e non in modo traumatico.
Tra l’altro la percentuale di ferro contenuto nelle carni è enormemente inferiore rispetto ai prodotti vegetali. Ma i dietologi e nutrizionisti televisivi dimenticano di elencare i moltissimi danni della carne: menzionano solo il ferro in essa contenuto e soprattutto celano le cause della sua mancata assimilazione che sempre risiedono in una cattiva alimentazione e ad un insano stile di vita.
Il calcio dei latticini viene assimilato al 35-40% dal nostro organismo, quello del mondo vegetale viene assimilato fino al 60-70%. Ma mentre i vegani mangiano giornalmente chili di prodotti vegetali gli onnivori non possono che limitarsi ad uno o pochi etti di latticini. Non solo. Il calcio del latte è difficilmente utilizzabile dal nostro organismo in quanto reso inorganico con la bollitura, la pastorizzazione, la sterilizzazione ecc. I latticini sono alimenti ricchi di proteine, grassi saturi, colesterolo, oltre ad essere altamente acidificanti. Per compensare l’acidità prodotta dai prodotti caseari l’organismo sottrae calcio a se stesso, prima dai muscoli poi dalle ossa, predisponendo all’osteoporosi.
La carenza di vitamina D è sicuramente la carenza più difficile da manifestarsi nei vegani in quanto il nostro stile di vita prevede  l’esposizione, anche se modesta, ai benefici raggi del sole, che è ciò che favorisce la fissazione nei tessuti di questa vitamina.

martedì 27 maggio 2014


di Gianni Lannes

Se l’aritmetica non è una mera opinione, allora hanno vinto almeno sulla carta le persone che hanno deciso di disertare le urne. Infatti ha votato soltanto il 53 per cento degli aventi diritto (complessivamente il corpo elettorale è attualmente costituito da 39 milioni di persone), vale a dire 8 punti percentuali in meno rispetto alla tornata del 2009. Senza contare quelli che per protesta hanno volutamente annullato le schede o le hanno consegnate in bianco. Complessivamente la metà del corpo elettorale non ha votato per le marionette sul palcoscenico.

Un altro fatto è certo non ha vinto Renzusconi. Certo, il PD ha sfiorato il 41 per cento. Ma l’attuale PIDDI’, non è altro che l’erede diretto dell’accozzaglia DC+ PCI+PSI+frattaglie insignificanti. Partiti che tutt’insieme, ai tempi di Andreotti, Berlinguer e Craxi superavano ampiamente il 60 per cento. Ergo: certi italidioti da salotto tv hanno la memoria corta e telecomandata.

E finalmente al tappeto il piduista di Arcore. Comunque, la batosta l’ha presa l’eterodiretto Grillo, megafono di Casaleggio & soci a stelle e strisce.

Altra certezza significativa: il 47 per cento degli elettori non ha votato. Ben più di una minoranza attiva da cui ripartire con uno sciopero generale ad oltranza (inclusa una protesta fiscale) per dar vita ad una nuova Costituente.

Ora, non lasciatevi accecare dai proclami dei mass media. L'Italia non ha alcuna sovranità. Inoltre, da non dimenticare: poiché la legge elettorale 270/2005 è stata dichiarata incostituzionale dalla Consulta (sentenza n. 1/2014), il parlamento, il governo e il capo dello stato pro tempore sono abusivi ed illegittimi.

Non va meglio in Europa, dove il parlamento non conta niente, ma comanda - per conto dei potentati economici e bellici - la commissione europea non eletta dai popoli del vecchio continente.

Tratto da: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2014/05/italia-ha-vinto-la-protesta-del-non-voto.html

sabato 24 maggio 2014


Napolitano & Kissinger

di Gianni Lannes

Se l’Italia nel 2014 è ancora rappresentata indegnamente dal traditore della Patria e della Costituzione repubblicana, tale Giorgio Napolitano, nonché da Berlusconi, Grillo, Renzi e perfino lo straniero Tsipras, e tanti li votano pure e applaudono, allora siamo passati dalla tragedia alla farsa.

Il piduista tessera 1816 invece di stare in galera in ragione di una grave condanna giudiziaria passata in giudicato, imperversa in tv, inclusa la Rai dei soliti insetti e lacché, agitando lo spettro del comunismo con cui ha intessuto affari per decenni, che gli ha consentito di devastare il belpaese. Invece, il padrone pentastelluto, cooptato dallo zio Sam, fa squarciagola nelle piazze con toni mafiosi, dittatoriali e razzisti, cavalcando il malcontento popolare. Dal canto suo Renzi, piazzato a palazzo chigi da chi ha preteso la distruzione delle intercettazioni telefoniche sulla trattativa Stato&Mafia (è la stessa cosa) spara menzogne istituzionali un giorno si e l'altro pure.

Dal 1943 lo Stivale non ha più alcuna sovranità: il suo destino è deciso a Washington, Londra, Berlino e Tel Aviv. Peggio ancora: i politicanti parassiti trattano il “popolo sovrano” come un analfabeta chiamato in causa soltanto sotto elezioni, per mettere una croce su candidati inqualificabili e imposti dall’alto. Anche l'Europa, sull'orlo di un'ecatombe atomica, non ha alcuna sovranità sotto il tallone NATO, peraltro imbottita di ordigni nucleari degli Stati Uniti d'America,

Il Parlamento europeo non ha alcun potere: conta e comanda la Commissione europea non eletta dai popoli del vecchio continente. Il voto quando il gioco è truccato non serve a niente, se non a legittimare l’oppressione in atto.

Un sistema così iniquo non può essere riformato, ma soltanto spazzato via dal buon senso comune, o meglio dall'autodeterminazione dei popoli.
Un mondo nuovo nasce da una rivoluzione interiore. Non abbiamo che da perdere le catene, partendo alla conquista della libertà con uno sciopero generale ad oltranza. 
Su la testa!

mercoledì 21 maggio 2014

L’ennesimo tentativo per inchipparci: la follia del microchip contraccettivo

Marcello Pamio – 19 maggio 2014

Continuano imperterriti nel lavoro di propaganda e condizionamento mentale, per convincerci ad impiantarci sottopelle il microchip. Non sanno più che fare e le stanno provando tutte.
Hanno iniziato diversi anni fa, facendo legiferare i camerieri-marionette (politici e governi), con decreti ad hoc per impiantare il microchip negli animali domestici.
Da novità, oggi è diventata una pratica normalissima e imposta per legge.
L’obiettivo finale però non è il cane, ma l’animale uomo!
Utilizzando la sempreverde paura, e la crescente richiesta di sicurezza e protezione, qualche povero individuo si è fatto, per soldi, impiantare sottopelle il microchip. Paura de che? Ovviamente paura di rapimenti, sequestri di persona, terrore di furti o clonazione di carte di credito, tanto per citarne alcune.
Ma a tutto, sappiamo esserci rimedio e infatti con il microchip queste cose non esisteranno più!
Saremo tutti più al sicuro.
Un bambino viene rapito? Nessun problema: grazie al satellite saranno in grado di rilevare il codice emesso dal chip in poche ore.
Ti clonano la carta di credito e la usano per acquisti su internet? Nessun problema: con il chip questo non sarà più possibile.
Ma nonostante la propaganda mediatica più becera, tale strategia non sta avendo il successo voluto, forse perché, nonostante il rimbambimento e l’ipnosi cerebrale, le persone sono ancora in grado di pensare fino in fondo, per fortuna.
L’ultimo tentativo in ordine cronologico ci arriva dalla frontiera della contraccezione.
Anche in questo caso la scoperta esce dal loschissimo MIT, il centro di Boston (fucina scientifica della Sinarchia), dove alcuni scienziati stanno lavorando allo sviluppo di un chip sottopelle che funzioni come contraccettivo.
Cosa c’è di più bello e sicuro di un microchip contraccettivo in grado di sostituire tutti gli altri strumenti usati fino ad ora? Un pezzetto di silicio microscopico, che può sostituire in tutta sicurezza il profilattico, la spirale e perché no, anche la pillola.
Nonostante il maschio occidentale sia sempre meno fertile, e cioè con pochissimi spermatozoi sempre più lenti, a causa di inquinamento ambientale, xeno-estrogeni, alimentazione e vita innaturali e molto stress, la Scienza vuole controllare le eventuali gravidanze indesiderate.
A dir poco meraviglioso: la scienza al servizio della vita!
Da quel poco che hanno fatto appositamente trapelare dai media, si sa che la sua attivazione funzionerebbe grazie al wireless, in pratica è connesso (non si sa bene a chi o a cosa) tramite onde radio, e sarebbe in grado di somministrare estrogeni e anche medicinali.
La sua durata dovrebbe essere intorno ai 5 anni, ma i ricercatori stanno lavorando per aumentarla.
Le agenzie di stampa all’unisono ci dicono che “purtroppo, prima di poter avere tra le mani questo strumento che potrebbe cambiare completamente il mondo della contraccezione, dovremo attendere alcuni anni”. Della serie, ci vogliono far sognare a occhi aperti e desiderare, con tanto di bava alla bocca, questa scoperta rivoluzionaria. Vogliono creare l’attesa di quello che sarebbe, secondo loro: “il più grande progresso della medicina dalla prima pillola sviluppata nel 1876”.
Invece si tratta dell’ennesimo attacco, forse il più pericoloso e insidioso all’essere umano e alle libertà individuali.
Non ci dicono per esempio di quali materiali è composto, visto che dovrebbe rimanere diversi anni all’interno del corpo umano, e quindi sottoposto al vigile controllo del sistema immunitario.
Se una persona volesse toglierlo? La rimozione comporterebbe rischi per la salute?
Se per un accidente, dovesse rompersi, quali sostanze fuoriuscirebbero?
Domande che ovviamente rimarranno prive di risposta, ce sono ancora: una volta impiantato sottopelle, cosa potrebbe realmente trasmettere il microchip comandato e controllato a distanza attraverso il wireless? E da chi sarebbe controllato? Chi garantirebbe in questo caso la privacy dei dati sensibili contenuti?
Quello che sappiamo per certo è che il microchip è in grado di liberare sostanze chimiche contenute al suo interno, come gli ormoni che simulano la gravidanza e anche farmaci.
Se è in grado fare questo, potrebbe anche liberare altre sostanze chimiche contenute (droghe, ecc.).
Il microchip potrebbe eseguire  visto che l’attuale tecnologia lo permette da anni - vere e proprie misurazioni e analisi ai tessuti e del sangue.
Infine, tenuto conto della capillarità del sistema nervoso, è così difficile e impensabile che il chip possa connettersi direttamente al sistema nervoso centrale (cervello) e comunicare-scambiare informazioni e/o comandi?
Le conseguenze in questi ultimi casi sarebbero per noi inimmaginabili…

venerdì 16 maggio 2014

La Russia ospita un incontro con Cina e Iran per abbandonare il dollaro.

Che la Russia stesse spingendo per accordi commerciali che riducano al minimo la partecipazione (e l’influenza), del dollaro USA fin dall’inizio della crisi Ucraina (e prima) non è un segreto: queste notizie sono state ampliamente riportate in  questa pagine (vedasi  Gazprom prepara il “simbolico” Prestito in Obbligazionario cinesiPetrodollar Alert: Putin si prepara ad annunciare il “Santo Graal” degli accordi di Gas Con la Cina , la Russia e la Cina per firmare il patto del “Santo Graal” del Gas40 banche centrali stanno scommettendo che Questa sarà la prossima valuta di riserva; Dal Petrodollar allo yuan del gas e così via).
Ma fino ad ora gran parte di queste idee era nel regno del wishful thinking e delle dicerie in generale. Dopo tutto, sicuramente è “ridicolo” che un paese possa seriamente contemplare di esistere al di fuori dei confini ideologici e religiosi della Petrodollar … perché se uno può farlo, tutti possono farlo, e la prossima cosa che potrebbe accadere negli Stati Uniti è l’iperinflazione, collasso sociale, guerra civile e tutte quelle altre caratteristiche propagandate come essere prominenti in altri paesi, come quelli socialisti del Venezuela, che purtroppo non hanno una valuta di riserva globale da utilizzare.
Tuttavia, per quanto possa turbare gli statalisti nel leggere ciò, la Russia sta attivamente spingendo il progetto di mettere il dollaro statunitense nello specchietto retrovisore e sostituirlo con un sistema privo di dollari. Oppure, come viene chiamato in Russia, un mondo “de-dollarizzato”.
La Voce della Russia riferisce,citando fonti di stampa russe del Ministero delle Finanze, cheil paese è pronto alla luce verde per il piano di aumentare radicalmente il ruolo del rublo russo in operazioni di esportazione, riducendo la quota delle operazioni denominate in dollari. Fonti governative ritengono che il settore bancario russo è “pronto a gestire l’aumento del numero di transazioni denominate in rubli”.
Secondo l’agenzia di stampa Prime, il 24 aprile il governo ha organizzato un incontro speciale dedicato alla ricerca di una soluzione per sbarazzarsi del dollaro nelle operazioni di esportazioni russe. Esperti di alto livello del settore energetico, delle banche e delle agenzie governative sono stati convocati e una serie di misure sono state proposte come risposta alle sanzioni americane contro la Russia.
Beh, se l’Occidente voleva la risposta della Russia all’escalation delle sanzioni contro il paese, è in procinto di riceverla:
L ‘”incontro di de-dollarizzazione” è stato presieduto dal Vice Ministro della Federazione Russa Igor Shuvalov, dimostrando che Mosca è molto seria nella sua intenzione di smettere di usare il dollaro. Una successiva riunione è stata presieduta dal Vice Ministro delle Finanze Alexey Moiseev che in seguito ha detto al canale Rossia 24 che “la quantità di contratti denominati in rubli sarà aumentato”, aggiungendo che nessuno degli esperti intervistati e dei rappresentanti delle banche ha trovato problemi rispetto al piano del governo di aumentare la quota di pagamenti in rubli.
A beneficio dei nostri lettori di lingua russa, l’intervista con Moiseev è riduttiva e la trascrizione può essere trovato qui.
Inoltre, se si pensava che il solo Obama potesse regnare da solo con ordini, si sta commettendo un errore- i russi possono fare tutto ciò in maniera altrettanto efficace. Inserire l’”ordine esecutivo di switchare la valuta”:
È interessante notare che nella sua intervista, Moiseev parla di un meccanismo legale che può essere descritto come “ordine esecutivo di interruzione della valuta”, dicendo che il governo ha il potere legale per costringere le imprese russe a commerciare una percentuale di talune merci in rubli. Riferendosi al caso in cui tale livello possa essere portato su 100% delle transazioni, il funzionario russo ha detto che “è una scelta estrema ed è difficile per me dire subito come il governo userà questi poteri”.
Ebbene, però questo conferma che l’opzioni esiste.
Ma ancora più importante, niente di ciò che la Russia sta contemplando avrebbe qualche possibilità concreta di attuazione, se non fosse per le altre nazioni che vorrebbero impegnarsi in relazioni commerciali bilaterali libere dall’uso obbligatorio del dollaro. Tali paesi, tuttavia, esistono e non dovrebbe essere una sorpresa per nessuno che siano la Cina e l’Iran.
Naturalmente, il successo dell’operazione di Mosca per passare la sua negoziazione in rubli o in altre valute regionali dipenderà dalla volontà dei suoi partner commerciali di sbarazzarsi del dollaro. Fonti citate da Politonline.ru e menzionate da entrambi i paesi, affermano Iran e Cina sarebbero disposti a sostenere la Russia in questa operazione. Dato che Vladimir Putin si recherà in visita a Pechino il 20 maggio, si può ipotizzare che i contratti di gas e petrolio che saranno siglati, verranno scambiati in rubli e yuan, non in dollari.
In altre parole, nel giro di una settimana si cercherà di presentare al mondo non solo l’annuncio dell’accordo epocale tra Russia-Cina, il così detto “santo graal” descritto in precedenza qui , ma anche i termini e le condizioni finanziarie di questa operazione e sembra praticamente certo che gli scambi saranno regolati esclusivamente in RUB e CNY. Non USD.
E come abbiamo spiegato più volte in passato, più l’ovest provoca e destabilizza la Russia con le sanzioni economiche e più la Russia sarà costretta ad allontanarsi da un sistema di negoziazione, denominato in dollari per abbracciarne uno che si saldi con la Cina e l’India. È per questo che l’annuncio della prossima settimana, pur essendo una novità incredibile, è solamente l’inizio..

Tradotto e Riadattato da Fractions of Reality

mercoledì 14 maggio 2014

Zucchero: killer silenzioso ?

Tratto da http://www.nutrizionenaturale.org/alimentazione-zucchero-killer-silenzioso/
Fino ad alcuni anni fa consideravo lo zucchero come un componente energetico e salutare della nutrizione, molto utile per la muscolatura e per il funzionamento del cervello. Poi ebbi modo di conoscere:
Il procedimento di produzione"Dalla barbabietola o dalla canna da zucchero viene estratto il succo zuccherino grezzo che è sottoposto a complesse trasformazioni industriali.
Per la prima depurazione viene fatta l'aggiunta di latte di calce che ne provoca la perdita e la distruzione di sostanze organiche, proteine, enzimi e sali di calcio.
In seguito il prodotto viene trattato con anidride carbonica per eliminare la calce che è rimasta in eccesso, quindi subisce ancora un trattamento con acido solforoso per eliminare il colore scuro. Successivamente viene sottoposto a cottura, raffreddamento, cristallizzazione e centrifugazione.
Si arriva così allo zucchero grezzo.
Nella seconda fase di lavorazione, lo zucchero viene filtrato e decolorato con carbone animale e poi, per eliminare gli ultimi riflessi giallognoli, viene colorato con il colorante blu oltremare o con il blu idantrene (proveniente dal catrame e quindi cancerogeno).
Il prodotto finale è una bianca sostanza cristallina che non ha più nulla a che fare con il ricco succo zuccherino di partenza e viene venduta per dolcificare gli alimenti".
Alcuni dati significativi:Negli Usa gli zuccheri costituiscono una delle maggiori fonti di calorie per la nutrizione.
La crescita nel consumo  di zuccheri negli ultimi 300 anni è impressionante:
- nel 1700 il consumo annuo pro capite è stato di 1,8 Kg-
- nel 1800 il consumo annuo pro capite è stato di circa 8 kg-
- nel 1900 il consumo pro capite annuo è salito a 40 Kg-
- nel 2009 il 50% degli americani ha consumato in media oltre gli 8o Kg di zucchero all'anno.
I casi di diabete dalla fine del 1800 ad oggi sono passati da 3 casi su 100.000 persone a 8.000 sempre su 100.000 persone.
Dalla fine del 1800 ad oggi, si è passati dal 3,4% di persone obese al 32%. Va poi aggiunto un altro 33% di persone in sovrappeso.
Ciò significa che i 2/3 degli americani attualmente sono a rischio di gravi patologie e devono ricorrere a medici nutrizionisti, diete alimentari, palestre cure mediche e medicine che spesso non funzionano e a volte sono solo dannose.
Quanto zucchero si consuma in ItaliaIn Italia da diversi anni viene registrato un consumo medio annuo pro capite pressochè costante di 25 kg. ma, l'esperienza ci insegna che con il tempo anche noi italiani seguiamo i comportamenti americani.
Un dato che fa riflettere.Fino agli anni '70 in Italia si consumava il 60% di zucchero semplice acquistato nei negozi mentre il 40% proveniva da alimenti confezionati.
Oggi le proporzioni si sono invertite per cui si assume prevalentemente zucchero contenuto nei cibi elaborati, in particolare dall'industria.
Certamente non ci rendiamo conto di quanto zucchero è contenuto nei cibi largamente pubblicizzati e destinati sopratutto ai bambini ed ai ragazzi.
E' una buona abitudine quella di leggere gli ingredienti riportati sulle etichette applicate ai prodotti che acquistiamo: troveremo delle belle sorprese (non solo per il glucosio, il destrosio, il fruttosio, il saccarosio, il maltosio  ...........in essi contenuto).
Spesso occorre una certa attenzione per scovarli poichè sono scritti con caratteri molto piccoli o ben nascosti.
Cosa provoca il consumo di zucchero nel nostro organismo?L'assunzione di zuccheri semplici, con l’alimentazione, innalza rapidamentei livelli di glucosio nel sangue (glicemia).
Un normale livello di glicemia è utile per fornire l'energia al nostro corpo ed al cervello ma, livelli elevati scatenano molte reazioni negative.
La più conosciuta è l'aumento dell'insulina che viene prodotta dal nostro organismo per evitare che gli zuccheri nel sangue raggiungano livelli di tossicità pericolosi.
Cosa provoca l'aumento dell'insulina?Trasforma gli zuccheri sottratti al sangue in glicogeno il quale viene immagazzinato nel fegato come riserva energetica stimola la produzione di grassi saturi a partire da zuccheri favorisce l'accumulo di grassi saturi nel tessuto adiposo.
Impedisce l'utilizzo dei grassi presenti nel nostro corpo.
Con l'assunzione degli zuccheri semplici ad alto indice glicemico, si verifica un immediato picco nella quantità di insulina prodotta dal pancreas; questa abbassa repentinamente la glicemia, per cui compare lo stimolo della fame e inizia un circolo vizioso che vanifica quasi tutte le diete che vengono adottate.
Soprattutto le diete che raccomandano di eliminare i grassi a favore dei carboidrati (vedremo come i farinacei ad alto contenuto di amido siano trasformati in zuccheri) non hanno possibilità di funzionare in quanto gli zuccheri vengono comunque trasformati in grasso e depositati nel tessuto adiposo.
Vedremo nelle prossime newsletters che la demonizzazione di tutti i grassi nelle diete costituisce un falso mito.
Ma l'utilizzo degli zuccheri semplici provoca anche altri danniPer poter essere assimilato e digerito, lo zucchero bianco ruba al nostro corpo vitamine e sali minerali (in particolare il Calcio e il Cromo) per ricostituire almeno, in parte, quell'armonia di elementi distrutta dalla raffinazione.
Le conseguenze di tale processo digestivo sono la perdita di calcio nei denti e nelle ossa, con l'indebolimento dello scheletro e della dentatura.
Ciò favorisce la comparsa di malattie ossee (artrite, artrosi, osteoporosi, ecc.) e delle carie dentarie che affliggono gran parte della civiltà occidentale.
Cosa provoca lo zucchero bianco iper raffinato a livello intestinale?Provoca processi fermentativi con la produzione di gas, tensione addominale e l'alterazione della flora batterica con tutte le conseguenze che ciò comporta.
I  pericoli dell'abitudine al consumo di zuccheri raffinati sono provati:
riduzione delle difese immunitarie,
aggravamento dell'asma,
acidificazione del nostro corpo,
peggioramento delle malattie cardiache, del diabete, dei calcoli biliari, dell'ipertensione, delle artriti, di alcuni tipi di cancro....... in definitiva accorcia la vita.
E' sorprendente anche lo studio di un medico inglese ricercatore in psichiatria, Malcolm Peet, che ha riscontrato un forte legame fra l'elevato consumo di zucchero e malattie mentali come la depressione e la schizofrenia.
Un altro grave pericolo: il fruttosioIl nome riporta all'immagine del prodotto sano derivato dalla benefica frutta ma in realtà lo troviamo spesso come sciroppo di fruttosio che viene ricavato dal mais (quasi sempre transgenico negli USA) con un processo che lo priva di ogni principio vitale come le vitamine, gli enzimi, i sali minerali e tutti i fitonutrienti capaci di ridurne gli effetti metabolici nefasti.
Lo sciroppo di fruttosio viene impiegato nella produzione delle bevande gassate, succhi di frutta e molti prodotti industriali e preparati dietetici sic!
Diversamente dal saccarosio (zucchero bianco da cucina), chimicamente, le molecole di fruttosio e glucosio non sono legate fra di loro per cui vengono assorbite immediatamente  e vanno direttamente al fegato e trasformate in grassi.
Robert Lustig, professore nella Divisione di Endocrinologia dell' Università della California, ha svolto un ottimo lavoro sul metabolismo degli zuccheri che ha messo in luce i disastri causati dall'eccessivo consumo di fruttosio:
- aumento dell'acido urico che è in stretta relazione con l'obesità, con l'elevata pressione arteriosa, le malattie cardiache, le malattie renali
- appesantimento del fegato con il rischio di serie patologie con danneggiamenti simili a quelli dovuti all'abuso di alcol.
- inganna il sistema di regolazione dello stimolo della fame e della sazietà; porta alla insulino-resistenza e non fa abbassare la grelina (ormone della fame scoperto solo una decina di anni fa) e non fa aumentare la leptina (ormone della sazietà) si è portati  ad assumere molto cibo
- aumento dell'obesità con l'accumulo del grasso principalmente nella pancia e la comparsa della tipica forma dell'abituale bevitore di birra.
Negli USA il fruttosio è considerato il primo fattore che contribuisce all'obesità.
La quantità massima giornaliera da assumere dovrebbe essere inferiore ai 25 grammi e, per coloro che sono in sovrappeso, inferiore ai 15 grammi (conteggiando anche il fruttosio che troviamo nella frutta).
In quali alimenti troviamo lo zucchero?Non solo nei dolci e nelle bevande gassate ma ormai in quasi tutti i cibi elaborati, trasformati e confezionati. Si trova anche negli hamburger, nei wurstel, nelle salse come il ketchup, nella senape, nella worchester sauce, in molti tipi di pane, nei cibi in scatola o in quelli precotti......... etc.
Ricordarsi di leggere con attenzione gli ingredienti indicati nelle confezioni anche se scritti con caratteri piccolissimi e difficili da trovare.
Ovviamente lo zucchero è anche contenuto nella frutta e in minor parte nella verdura ma legato a tantissime sostanze vitali come le fibre, le vitamine, i sali minerali, gli enzimi, e molti altri fitonutrienti che ne attutiscono gli effetti negativi.
Tuttavia anche la frutta e certi ortaggi ricchi di zuccheri o amidi come le patate e le carote, vanno consumati con moderazione.
Una ulteriore minaccia  per la salute dello zucchero: l'acido uricoLo zucchero  provoca un aumento di acido urico il quale, oltre a danneggiare i reni e aumentare la pressione arteriosa, può portare ad una infiammazione cronica con conseguenze anche gravi come l'ictus e altre malattie.
Oltre 3000 articoli su studi scientifici, mettono in relazione l'aumento dell'acido urico con molti dei mali dell'attuale periodo.
Negli Usa i livelli medi dell'acido urico dall'inizio del secolo scorso sono passati da 3,5 ml/dl a 6,5 ml/dl alla fine dello stesso secolo.
Se pensiamo che livelli di acido urico superiori a 5,5 ml/dl mettono a rischio la salute, possiamo credere che il consumo elevato di zucchero costituisce una delle cause principali dei nostri mali, invecchiamento precoce e morte prematura.
Craig Thompson, direttore del Memorial Sloan-Kettering Cancer Center in New York, è convinto che "molte cellule pre-cancerose, non raggiungerebbero mai le mutazioni che li trasformano in tumori maligni se non fossero guidate dall'isulina a utilizzare e metabolizzare sempre più zucchero dal sangue".
Cosa succede con gli edulcoranti dietetici polioli ?Gli edulcoranti (o dolcificanti) polioli sono sostanze che conferiscono un sapore dolce agli alimenti. Non sono considerati degli additivi, ma sono comunque sostanze chimiche estranee alla normale composizione degli alimenti. 
I polioli hanno un potere edulcorante uguale o leggermente inferiore allo zucchero ma apportano meno calorie. Si tratta di sostanze ottenute per idrogenazione di alcune specie vegetali.
I polioli più conosciuti sono:
- Sorbitolo (E420) - La sua assunzione non ha solitamente effetti collaterali, ma siccome il sorbitolo non viene assorbito, può causare gas, gonfiore di pancia, crampi, e diarrea (se si superano giornalmente circa  i 20 gr).
- Mannitolo (E421) -  Non è pericoloso per la salute, essendo un carboidrato a tutti gli effetti, è facilmente gestito dal nostro organismo. Può causare disturbi gastrici tra cui flatulenze e diarrea se consumato in quantità superiore alle dosi massime consigliate di 50 grammi al giorno. Ha un potere dolcificante  pari a circa la metà di quello dello zucchero comune ed un potere calorico del 50% in meno per cui non vi sono particolari vantaggi con il suo impiego.
- Xilitolo (E967) - Al momento non sono stati accertati effetti dannosi alla salute. Tuttavia è da utilizzare con cautela poichè alcuni studi hanno evidenziato che, come tutti i polioli, determina un aumento dell'acido ossalico e causa la formazione di calcoli nei ratti.
- Isomalto (E953) - Adatto a chi ha problemi di diabete per il suo basso impatto sul livello di glucosio nel sangue - ha metà delle calorie dello zucchero comune può causare disturbi intestinali se consumato in quantità superiori ai 20 gr. al giorno .
- Maltitolo (E965)- Ha il 75% della dolcezza del saccarosio e il  60% del potere calorico. Crea effetti gastrici, in quanto pur essendo meno dannoso se comparato ad altri polialcoli, è usato in grosse quantità dall'industria del cibo grazie alla sua somiglianza al saccarosio, portando il consumatore ad un consumo che eccede le quantità raccomandate. Resta non adatto per chi soffre di diabete.
Gli alcoli dello zucchero come il sorbitolo e lo xilitolo  contribuiscono a prevenire la carie per cui sono usati nella produzione di caramelle e di gomme da masticare.
Cosa succede con i dolcificanti artificialiTutti abbiamo sentito parlare di saccarina di aspartame e altri, spesso indicati con allettanti nomi commerciali, considerati come sostituti dello zucchero e destinati ai diabetici o a coloro che devono ridurre il loro peso corporeo o non vogliono ingrassare.
Ho sempre creduto fosse un'ottima soluzione! Ma è proprio così?
Vediamo quali sono i principali dolcificanti artificialiAspartame - E951 - è il dolcificante sintetico più noto e controverso, il cui potere dolcificante è 200 volte maggiore rispetto a quello dello zucchero comune. Questa sostanza non esercita effetti metabolici sulla glicemia, quindi può essere utilizzata anche dai soggetti diabetici. La dose giornaliera ammissibile è di 40 mg/kg di peso corporeo. L’aspartame si trova in centinaia di alimenti: oltre che nei prodotti "light", è contenuto anche in bibite gassate, dolciumi, gomme da masticare, caramelle e farmaci.
Quando l’organismo metabolizza l’aspartame, si formano acido aspartico, fenilalanina e metanolo. Quest’ultima sostanza può indurre effetti indesiderati quali emicranie e reazioni allergiche.
In merito, da diverse fonti si considera l'Aspartame come una minaccia per la salute umana, anche più pericolosa dell'utilizzo del fruttosio, e viene associato a difetti nei neonati, cancro (pricipalmente del cervello), alzaimer e aumento del peso corporeo. L'approvazione da parte della FDA viene considerata come un'operazione poco chiara intrapresa dalla Searle e dalla Monsanto (proprietaria dei diritti sull'Aspartame).
- Saccarina - E954 - molto conosciuta , è una sostanza che non viene metabolizzata dal nostro organismo e che non fornisce calorie. Il suo potere dolcificante risulta fino a 500 volte superiore a quello dello zucchero, mentre il suo retrogusto è piuttosto amaro. Non aumenta la glicemia, quindi è adatta anche ai diabetici.
Negli anni Settanta del secolo scorso, alcuni studi condotti sugli animali avevano insinuato il dubbio che la saccarina potesse essere cancerogena, ma nessuna ricerca svolta su esseri umani ha mai confermato tali dubbi. La dose giornaliera accettabile è di 2.5 mg/kg di peso corporeo.
In rari casi, il consumo di saccarina può provocare manifestazioni allergiche, orticaria, diarrea, dispnea, tachicardia. Questo dolcificante è controindicato durante la gravidanza, l’allattamento e nei primi tre anni di vita. Alcuni studi hanno di recente dimostrato che il dolcificante è un fattore di rischio per tumori che colpiscono diversi tipi di organo dei topi. Sarà necessario verificare se questi rischi interessino anche l'uomo.
- AcesulfameK - E950 - è un altro edulcorante sintetico di largo utilizzo nei cibi per diabetici, nelle bevande gassate e nei prodotti per l’igiene orale, è una sostanza dotata di un potere dolcificante 200 volte superiore a quella dello zucchero comune. L’acesulfame K non viene metabolizzato dall’uomo, quindi viene espulso attraverso le urine senza aver subito modifiche, non apporta calorie e non ha influenza sulla glicemia. La dose giornaliera assimilabile ammonta a 9 mg/kg di peso corporeo.Contiene cloruro di metilene DCM. L'esposizione per lunghi periodi al DCM può provocare mal di testa, depressione,nausea, confusione mentale, disturbi alla vista, al fegato e ai reni.
Se ci si attiene alle dosi raccomandate, l'Acesulfame K è considerato ufficialmente sicuro dal punto di vista tossicologico, ma se ne sconsiglia l’utilizzo in caso di gravidanza e allattamento.
Pur essendo controverse le deduzioni e le convinzioni, senza abbracciare la tesi che tutti i dolcificanti artificiali sono da considerarsi veleni, credo che tali edulcoranti debbano essere totalmente evitati e che i dolcificanti polioli debbano essere utilizzati con molta prudenza.
Ma cosa si può fare per stare meglio e prevenire molte malattie ?Risulta evidente, senza alcun dubbio, che per allontanare i rischi malattie come il diabete, le malattie cardiache, il cancro e tanti altri problemi per la propria salute, occorre adottare uno stile di vita sano dove l'eliminazione dello zucchero in tutte le varie forme è fondamentale.
Il modo più facile per diminuire l'assunzione di zuccheri è quello di eliminare tutte le bevande dolci compresi i succhi di frutta (le spremute fresche vanno bene), e tutti i cibi elaborati industrialmente.
E' una buona regola assumere esclusivamente gli zuccheri necessari al funzionamento del proprio corpo solo da fonti naturali quali la frutta e la verdura tenendo conto che non si dovrebbero superare i 25 grammi al giorno di fruttosio.
Se proprio dobbiamo dolcificare degli alimenti, è preferibile utilizzare, con molta moderazione il miele, lo zucchero grezzo di canna oppure anche il glucosio. Il glucosio tutto sommato viene utilizzato direttamente dalle cellule del nostro corpo e non scatena i disastri metabolici del fruttosio.
Un dolcificante naturale poco conosciuto è la Stevia ricavato dalle foglie dell'omonima pianta e utilizzata da secoli dai popoli dell'America Latina.
L'Unione Europea (EFSA) il 14 aprile 2010 ha approvato l'uso della Stevia come Food Additive, così come la Svizzera e tutti Paesi latino-americani.
Ha un potere dolcificante da 150 a 250 volte quello del comune zucchero ed ha zero calorie: potrebbe rappresentare la migliore alternativa per dolcificare senza andare incontro agli effetti negativi dello zucchero e degli edulcoranti in genere.
IMPORTANTE: abituiamoci a leggere la composizione dei cibi in etichetta e informiamoci sui componenti o additivi con nomi sconosciuti: quando non riusciamo a trovarli evitiamo di acquistare l'alimento! E' una buona abitudine che ci porterà a scegliere i cibi consapevolmente evitando quelli che possono danneggiare la nostra salute nel tempo