Home page

domenica 24 aprile 2016

The future Map of the World

How is it that a person can know the future?

All of us have experienced precognitive events in our lives - a phone rings and we know who's calling and sometimes why they are calling, before we answer it. Dreams often give us a glimpse of our future. Stories of people who have been winning lottery numbers in their dreams appear in the news. We have all heard reports of travelers who, upon arriving for a flight, change their plans and refuse to get on the plane became of a feeling or premonition.

Another phenomenon is the ability that some people have to detect earthquakes before they happen. These earthquake sensitives, or Earth change sensitives, who number in the thousands, demonstrate an ability to detect changes in the Earth through their bodies, they do this hours, days and sometimes weeks in advance of occurrence!

On the academic side, subjects such as ESP have been studied by such esteemed universities as Duke, Stanford, and others.

The data suggest that ESP exists in some people who are able to demonstrate this ability on command. However despite all the research, the mechanism that allows such abilities to occur remains a mystery. The scientific
community simply has no knowledge about how the mind works, only that it exist and is probably different from the brain.

With the acceleration of Earth changes - earth quakes, hurricanes and volcanic activity - perhaps no other area of phenomena has created as much interest as Earth changes predictions.

Since 1979, I have had ongoing visions concerning the Earth, sometimes as many as ten or more in a day, lasting from a few seconds to minutes. Then in 1982 I began to sketch a world map based on these visions, and I updated it through the years as new information was presented to me. This map is the culmination of a major ongoing effort to consolidate all the Earth change information I have received.

As a result, the Future Map of The World is the most comprehensive and up to date representation of Earth change visions and information that has been presented to me.

The purpose of the Future Map of The World is to present a visual representation of probable geophysical events that may occur in the future. I feel that by sharing this information, an early warning system may be established that takes into account areas to watch for and unfolding scenarios that may be used as benchmarks to warn of impending changes.

I further believe that no event or prediction is final. Predictions are given as probabilities. Even at this time, consciousness can alter an event, modify changes in a particular area or at the very least help us to prepare for what is to come.

One final note, the areas of change presented in the Future Map of The World should not be taken as absolute. They may differ from a few miles to several hundred miles depending on many variables.

In the end, Mother Nature and our own collective consciousness will have the final say. I hope this map will stimulate your intuitive sense so that you can use it to focus on the areas of the map in which you are most interested.

Pole Shift

What could possibly cause the dramatic changes illustrated on this map?

In the mid-twenty century, Russian scientists discovered numerous woolly mammoths In the frozen tundra Carbon dated to eleven thousand-five hundred years ago, the animals contained undigested grass in their mouths an indication that a cataclysmic event froze them instantly as they grazed.

Something happened quickly. Not in years or thousands of years, but in hours or minutes. Core samples from this period indicate that Earths magnetic pole moved abruptly.

I believe this is what caused the great changes in weather patterns that ended the Ice Age and caused sea level to rise more than 300 feet. I also believe a pole shift was responsible for frigid air being sucked out of the antic areas and into temperate and tropical areas, causing winds in excess of two hundred miles per hour.

The result was hundreds of feet of snow that froze everything in its path It is also estimated that 90 percent of the worlds species became extinct during this same time period. It is now 11.500 years later and humankind is once again poised on the brink of another cataclysm

Pole Shift

The Earth does not rotate perfectly on its axis. It wobbles in very specific cycles. One such cycle is known as the Precession of the Equinoxes and takes 23,000 years to complete a grand cycle.

At the mid points of the cycle - 11,500-year intervals - great stresses are placed on the planet and the wobble increases. I liken it to a washing machine that is out of balance in the spin cycle. It eventually begins to shake. This imbalance will cause a shift in the lithosphere - a pole shift I do not see this resulting in Earth tumbling in space, rather I see the lithosphere slipping over the core and other Earth layers.

From the perspective of one standing on Earth looking skyward the Sun would appear to move quickly across the sky some 90 degrees. In reality the entire crust would have slipped over the magma layers it floats on.

Once the shift has occurred a new North Pole would be established at approximately 110 degrees East longitude and 45 degrees North Latitude - in the area of the present day position of Mongolia.

Human Factors

I believe that a pole shift will be the ultimate cause of the cataclysmic changes illustrated on this map. However, other factors such as global warming, nuclear activity, and the misuse of technology will act to increase the melting of the poles thereby throwing Earth even further out of balance and intensifying the development of a pole shift.

As the pole shift scenario builds and a melt-off in the poles continues, we will eventually see the displacement of people and war fought over water and resources.

In the end two wild cards. Nature and human consciousness will determine the severity of changes. An increase in our awareness of the Oneness of all Creation and of the sacred trust we have been given to protect Nature can modify what I present here.

Always keep in mind, no forecast or prediction is absolute as long as free will exists.


Africa will be divided into three parts.

The Nile will significantly widen. A new waterway will split the country, from the Mediterranean Sea towards Gabon. The Red Sara will expand, creating a waterway through areas of the Sudan. Africa's new waterways will look like the letter "Y" placed over the continent, with the vertical line extending south to Cape Town.

In Egypt, the Great Giza Plateau will go under water, but great archeological discoveries will be made there before this happens.

As the Red Sea expands, Cairo will be lost to the sea. Most of Madagascar will be lost to the sea. New land will rise in the Arabian Sea. A landmass will rise north and west of Cape Town. New mountain ranges will be thrust above ground in this area. Lake Victoria will merge with Lake Nyasa and flow to the Indian Ocean.

Central eastern Africa’s coast-lines will be inundated.


The Ring of Fire that passes through Asia is a highly seismic area, and as a result will experience the most active and severe Earth changes in this region.

Land will be inundated from the Philippines to Japan, and north to the Bering Sea, including the Kuril and Sakhalin Islands. As the Pacific Plate shifts its position some nine degrees, the islands of Japan will sink, leaving a few small islands. Taiwan and most of Korea will be lost to the sea.

With the shifting of the plate, the coastal region of China will be pushed inland hundreds of miles. Indonesia will break up, although some islands will remain and new land will rise. The Philippines will disappear beneath the sea.

Asia will lose a significant amount of its land mass through these changes, yet new land will be born.


Antarctica will be reborn, becoming fertile land again. The land once known as Lumania will be uncovered, and great cities and temple sites will be rediscovered. Land will rise from the Antarctic Peninsula to Tierra del Fuego, and eastward to South Georgia Island.


Australia will lose approximately twenty-five percent of its land mass due to inundation of coastal areas. The Adelaide area will become an inland sea all the way north to Lake Eyre. The Simpson and Gibson Deserts will become fertile land. Great communities based on spiritual principles will form between the Great Sandy and Simpson Deserts. Another settlement will arise in Queensland. New land will rise off the coast.

New Zealand
New Zealand will grow in size, once again joining the land of old — Australia. The two lands will be joined by an isthmus, formed by rising land and volcanic activity. New Zealand will become the new frontier.


Europe will go through some of the quickest and most severe Earth changes. Much of Northern Europe will go beneath the sea as the tectonic plate upon which it rests collapses. Norway, Sweden, Finland, and Denmark will be inundated, leaving hundreds of small islands.

Most of the United Kingdom, from Scotland to the Channel, will go beneath the sea. A few small islands, about the size of what is now Shetland Island, will remain. London and Birmingham will be among the remaining islands. Ireland will go beneath the sea except for higher ground.

Russia (the former Soviet Union) will be separated from Europe by a large new sea as the Caspian, Black, Kara, and Baltic Seas merge. The new sea, divided by the Ural Mountain range, will stretch all the way to the Jenisej River in Siberia. The region's climate will become more temperate, enabling Russia to supply much of Europe's food. The Black Sea will merge with the North Sea as well, leaving Bulgaria and Romania under water.

The region from Poland to Turkey will see great turmoil. A great Holy War will be born in this region, ending with the purification of the land by fire and water. Portions of western Turkey will go under water, creating a new coastline from Istanbul to Cyprus. Much of central Europe will be inundated; most of the land between the Mediterranean Sea and the Baltic Sea will be lost. Many of the World War II battlegrounds will go beneath the sea, and small islands will be formed.

Much of France will go under water, leaving an island in the Paris region. A new waterway will separate Switzerland from France, along a line from Geneva to Zurich. Italy will be divided by water. Venice, Naples, Rome and Genoa will be claimed by the sea, but the Vatican will be saved by moving to higher ground. Higher elevations will remain as islands. New land will rise from Sicily to Sardinia.

North America


Hudson Bay and the Foxe Basin will expand to form a large inland sea. Parts of the Northwest Territory will be pushed in as much as two hundred miles. Areas in Quebec, Ontario, Manitoba, Saskatchewan, and portions of Alberta will become the survival center of Canada during the early changes. Migrations will arrive from British Columbia and Alaska.

United States

Major global Earth changes will begin in the United States as the North American Plate buckles, creating the Isles of California — 150 islands in all. Eventually, through tectonic plate buckling and fractures followed by inundations, the West Coast will recede eastward to Nebraska, Wyoming and Colorado.

The Great Lakes and the St. Lawrence Seaway will join and flow through the Mississippi River to the Gulf of Mexico. Coastal areas from Maine to Florida will be inundated and pushed in for many miles.


Coastal areas of Mexico will be inundated far inland. The California Baja will become a series of islands. Most of the Yucatan Peninsula will be lost to the sea. Volcanic and seismic activity will continue into the twenty-first century.

Central America and the Caribbean

Central America will be inundated and reduced to a series of islands. Elevations above 500 meters will be considered safe. A new waterway will form from the Bay of Honduras to Salinas, Ecuador. The Panama Canal will become impassable.

South America

In South America great Earth changes will occur, including earthquake and volcanic activity.

The land will be affected like a blanket shaken severely from one end to the other. Venezuela, Colombia, and Brazil will be greatly inundated. The Amazon Basin area will become a great inland sea. Peru and Bolivia will be inundated.
Salvador, Sao Paulo, Rio de Janeiro and parts of Uruguay will go beneath the sea, as will the Falkland Islands. Another great inland sea will come in to claim much of central Argentina.

A new landmass, which will include yet another inland sea will rise and combine with the land of Chile.

Tratto da: http://www.bibliotecapleyades.net/mapas_antiguos/mapasantiguos04.htm

mercoledì 20 aprile 2016

William d’Inghilterra e la leggenda dell’Anticristo

William d'Inghilterra e la leggenda dell'Anticristo
Prendete questa per quella che è, semplicemente una storia, dove fantasia, mito e profezie si fondono per diventare un intricato e suggestivo mistero.
Tutto comincia da una supposizione fantastica: il mondo, da sempre,  è governato da poche persone, una stirpe, una grande famiglia, diciamo; una famiglia nata dall’ibrido di essere umani e Rettiliani, la vera razza originaria del Pianeta Terra (cfr. La storia di Lacerta). Di questa famiglia farebbe parte anche la Regina Elisabetta e i suoi eredi.
William d’Inghilterra e la leggenda dell’AnticristoQuando il 29 Luglio del 1981 Diana Spencer sposò l’erede al trono Carlo Principe di Galles, come ben sappiamo, alla base del matrimonio c’era tutt’altro che una storia d’amore. Carlo, già all’epoca era fidanzato con Camilla Parker Bowles sua coetanea e il matrimonio con Diana non era altro che lo ‘strumento’ per avere degli eredi. Diana stessa, una volta separata dal marito, ha più volte dichiarato che temeva per la propria incolumità dal momento che era a conoscenza di un ‘enorme’ segreto che avrebbe stravolto la storia della famiglia reale inglese, e non solo. E forse proprio in virtù della conservazione quel segreto venne lasciata libera di muoversi, per appena un anno, fuori dal controllo della ex coronata suocera. Diana e Carlo divorziarono il  28 Agosto del 1996; Diana morì nell’incidente automobilistico di Parigi del 31 agosto 1997. Ma torniamo al segreto.
Il mondo del gossip ha sempre spifferato in merito con imprecisati riferimenti ad una sessualità ambigua del Principe Carlo, riducendo il fatto ad una chiacchiera da cortile; ma l’ipotesi che riportiamo è assai più oltraggiosa e scioccante.
  • Negli esami fatti sulla Sacra Sindone nel 1978 venne evidenziata presenza di emoglobina (sangue umano) sul tessuto;
  • Da un campione di questo sangue è stato ricavato un tracciato di DNA con cui è stata fecondata Diana;
  • La Principessa  di Cambrige ha dato alla luce il 21 Giugno del 1982 il Principe William, praticamente un clone di Cristo;
  • Il progetto è quello di sovvertire l’ordine delle religioni con una sorta di Anticristo che abbia le stesse caratteristiche genetiche di Gesù Cristo.
William d’Inghilterra e la leggenda dell’Anticristo
William d'Inghilterra e la leggenda dell'Anticristo
Ora qualche dato di natura profetica. La ricorrenza della nascita di Cristo è stata posizionata il 24 Dicembre in quanto si rifà al culto pagano del Dio Sole che proprio in occasione del Solstizio d’Inverno (il 21 Dicembre) comincia la sua ascesa verso giornate più lunghe e clima più mite; quindi la fase di rinascita e crescita. Il Principe William è nato invece il 21 Giugno, giorno del Solstizio d’Estate, in perfetta opposizione con il 21 Dicembre. Il Solstizio d’Estate è la giornata più lunga e l’ultima…da qui il sole comincia la sua ascesa verso il freddo, il buio…la morte.
E’ nato alle h.09:03, in concomitanza con una ecclissi di sole.
Secondo i documenti pagani l’Anticristo sarebbe nato da una vergine di 19 anni; precisamente l’età di Diana al momento del concepimento.
La Principessa Diana si è più volte espressa, in alcune interviste, nei confronti dei Windsor utilizzando il soprannome di ‘lucertole’ oppure ‘rettili’.
Come Gesù, anche il principe William,  all’età di 12 anni ha avuto la conferma pubblica del suo futuro da Re dei Re; nel 1994 è stato realizzato e pubblicato dalla Disney il Re Leone, esplicitamente dedicato proprio al Principe William. Il coinvolgimento della Disney nel Satanismo è oramai storia nota ed accertata.
William d'Inghilterra e la leggenda dell'Anticristo
Ad oggi, per quanto ci è dato sapere, il Principe William non ha avuto mai comportamenti che facciano presagire la sua natura maligna; c’è da dire che Gesù fino all’età di trent’anni è stato un uomo comune. La sua attività di predicatore è cominciata dopo il trentesimo anno d’età. Il Principe William ha compiuto 31 anni nel 2013 e per quanto sappiamo è stato educato alle armi, ama il combattimento e il volo.
William d’Inghilterra e la leggenda dell’Anticristo
Un film del 2004 americano dal titolo Godsand con Robert De Niro affronta proprio la questione della clonazione; ipotizza che il clone di una persona morta prematuramente comincia a rivelare la sua ‘indole’ innaturale una volta superato il giorno della morte del soggetto clonato. Il Principe William compirà 33 anni nel 2015.
Ed ora un grande classico: Nostradamus che profetizza l’arrivo del terzo Anticristo. (i primi due sarebbero Napoleone e Hitler)
Quartina 76
Più Macellaio che Re in Inghilterra,
Luogo oscuro nato per (con) forza avrà l’impero:
Vile senza fede senza legge insanguinerà terra,
Suo tempo s’approssima si vicino che io sospiro.
Quartina 77
L’anticristo tre ben presto annichilirà,
Ventisette anni sangue durerà sua guerra:
Gli eretici morti, prigionieri esiliati,
Sangue corpi umani acqua rossa grandinerà (sulla) terra.
William d’Inghilterra e la leggenda dell’Anticristo
Come sempre sono possibili decine di interpretazioni e quindi non avventuriamoci. Ci basta insinuare il dubbio.
Concludiamo con una nota di colore che riguarderebbe la sposa di questo fantomatico Anticristo: Kate Middleton…Middleton…9 lettere e una strana assonanza che ricorda un altro nome biblico.
Quindi, anche per William, c’è una ‘Maddalena’…o Middleton che dir si voglia!

Tratto da: http://www.mymistero.it/william-dinghilterra-e-la-leggenda-dellanticristo/

lunedì 18 aprile 2016


L’analisi dei più antichi testi sacri di quasi tutto il mondo, insieme alle innumerevoli rappresentazioni scultoree e pittoriche di esseri diversi dall’uomo, spesso interpretati come esseri divini, hanno indotto molte persone, ma anche studiosi di fama, a pensare che, in un remoto passato, il nostro pianeta sia stato visitato da esseri alieni provenienti da qualche remota regione dell’Universo.
Esiste però anche un’altra tesi, forse meno conosciuta, secondo la quale questi esseri sarebbero stati rappresentanti di altre specie intelligenti diverse dall’uomo.
In questa breve nota cercheremo di presentare quegli elementi che potrebbero avvalorare questa tesi.
Innanzitutto dobbiamo parlare del Libro di Dzyan.
Si tratterebbe del più antico libro dell’umanità. Di esso si conosceva il nome e l’esistenza, ma, in Occidente, nessuno lo aveva mai visto, finché Elena Petrovna Blavatsky, la fondatrice della società Teosofica, ebbe la possibilità di visionarlo nel 1868 in una stanza segreta di un monastero del Tibet.
Diciamo subito che il Tibet, come le Ande in Sud America, data la sua altitudine, sarebbe scampato a quell’immane cataclisma, menzionato praticamente in tutte le più antiche tradizioni del nostro pianeta, che va sotto il nome di “Diluvio Universale”, che sarebbe avvenuto abbastanza recentemente, tra 11.000 e 12.000 anni fa.
Per questo motivo potrebbe essere ragionevole pensare che questa regione abbia potuto conservare ricordi e documenti di un’epoca più antica che potremmo definire “antidiluviana”.
Ebbene il Libro di Dzyan parla esplicitamente di quattro “razze” di esseri intelligenti che avrebbero preceduto l’uomo (quinta razza).
Senza entrare nei dettagli, la prima razza sarebbe stata costituita da esseri intelligenti acquatici, descritti come “terribili e cattivi”.
Quasi contemporaneamente sarebbero apparsi “uomini-capra”, “uomini dalla testa di cane” (ci viene in mente il dio egizio Anubi) ed “uomini dal corpo di pesce”.
Successivamente sarebbero apparsi esseri androgini (seconda razza), contemporaneamente maschio e femmina, e qui ci viene in mente il famoso racconto di Platone incluso nel Simposio.
La differenziazione sessuale (sempre secondo il Libro di Dzyan) avvenne solo con la comparsa della terza razza, non meglio descritta fisicamente, ma della quale si dice che era evoluta spiritualmente, ma che non conosceva ancora il linguaggio.
Questa razza però si macchiò dell’accoppiamento con altri primati, generando esseri che camminavano a quattro zampe ed erano ricoperti da peli rossi.
Infine apparve la quarta razza “dotata di parola”.
Di questa razza si dice:
“Costruirono città colossali con terre e metalli rari. Servendosi dei fuochi vomitati, della terra bianca delle montagne e della terra nera, formarono le loro immagini, in grandezza naturale e a loro somiglianza, e le adorarono”.
A questa razza potrebbero essere attribuite tutte le costruzioni ciclopiche disseminate su tutto il nostro pianeta, che sarebbe stato impossibile edificare con tecniche primitive.
Ma si dice anche “il terzo occhio cessò di funzionare”, indicando probabilmente la perdita di facoltà spirituali di cui pare fosse dotata la terza razza.
La Società Teosofica identifica questa quarta razza con gli Atlantidei, in quanto il Libro di Dzyan racconta la sua distruzione con la frase:
“Vennero le prime grandi acque. E inghiottirono le sette grandi isole”.
Ed infine la nascita della quinta razza, la nostra:
“Pochi furono i superstiti. Alcuni fra i gialli, alcuni fra i bruni e i neri, alcuni fra i rossi rimasero. Quelli del colore della Luna erano partiti per sempre”.
A questo punto è però doveroso rilevare che, in tutti questi avvenimenti, il Libro di Dzyan riporta l’intervento attivo di altri esseri che creano, distruggono e manipolano queste razze e questo potrebbe essere un indizio a favore della tesi di un intervento “alieno” sul nostro pianeta.
Ovviamente nessuno di noi è tenuto a credere a tali racconti, ma, in favore della credibilità del Libro di Dzyan, voglio riportare la sua descrizione della nascita dei primi esseri viventi sul nostro pianeta, tanto vicine alle tesi della moderna Biologia:
“I primi animali furono tratti dalle gocce del sudore. Animali provvisti di ossa, dragoni dell’abisso e Sarpas volanti furono aggiunti alle cose striscianti. Quelli che strisciano sul suolo furono provvisti di ali. Quelli che nell’acqua avevano lunghi colli divennero i progenitori degli uccelli dell’aria. Durante la Terza (razza n.d.r.), gli animali senza ossa si svilupparono e maturarono: divennero animali provvisti di ossa. I loro Chhâyã divennero solidi. Gli animali si separarono per primi. Essi cominciarono a riprodursi”.
Conferma di tracce di esseri diversi dall’uomo vissuti in epoca antidiluviana le troviamo anche nel Vecchio Testamento.
Il libro della Genesi è la forma scritta di tradizioni orali molto più antiche ed in esso ritroviamo il racconto di accoppiamenti tra esseri intelligenti diversi.
Degli esseri denominati “Figli di Dio” si accoppiarono con le figlie degli uomini generando una razza di eroi. Quando ciò avvenne dice la Genesi “c’erano i giganti sulla Terra a quei tempi”, quindi ancora una razza diversa dall’uomo.
Una versione leggermente diversa (forse più attendibile) la da l’antichissimo Libro di Enoch, secondo il quale degli esseri, denominati stavolta “Figli del Cielo”, si accoppiarono con le figlie degli uomini e generarono i giganti, che quindi non sarebbero stati preesistenti a questi avvenimenti.
Questi “Figli del Cielo” avrebbero anche dato l’avvio alla civiltà umana.
In ogni caso riferimenti ai giganti li troviamo in numerosi altri passi del Vecchio Testamento, ma praticamente anche in tutte le più antiche tradizioni umane.
Ovviamente i sostenitori della tesi “aliena” interpretano i “Figli di Dio” o “Figli del Cielo” come esseri provenienti da altri pianeti e vedono una conferma alle manipolazioni di cui abbiamo parlato a proposito del Libro di Dzyan nei due famosi passi della Genesi “Facciamo l’uomo a nostra immagine e somiglianza” ed “Ecco, egli è diventato come uno di noi”, che tante discussioni hanno suscitato tra gli studiosi.
Il fatto è che le due tesi “creature aliene provenienti dallo spazio” e “razze intelligenti terrestri diverse dall’uomo” non sono affatto in contrasto tra loro, potendo essere in qualche caso vera la prima ed in qualche altro la seconda.
Il fatto che l’uomo antidiluviano (quarta razza secondo il Libro di Dzyan) avesse caratteristiche diverse dall’uomo postdiluviano lo evinciamo anche dalla lunghezza della vita dei Patriarchi antidiluviani riportata dalla Bibbia: si va da Lamech che visse 777 anni a Matusalemme che visse 969 anni.
Tra i più “famosi” troviamo Adamo (930 anni), Noè (950 anni) e Set (912 anni).
Per quanto detto finora appare evidente che il “confine” tra la quarta razza e la nostra è segnato da un immane cataclisma, secondo alcuni studiosi la caduta di un asteroide nell’Oceano Indiano, che avrebbe causato un vistoso innalzamento del livello delle acque, con tsunami spaventosi e ricaduta di acqua con piogge incessanti durate molti giorni (40 secondo la Bibbia).
Riteniamo che sia un fatto realmente accaduto dato che ne troviamo il racconto, sotto forme quasi uguali, in tutte le più antiche tradizioni dell’umanità.
E riteniamo anche che la scomparsa di Atlantide sia stata dovuta allo stesso fenomeno, come si evince dal famoso racconto di Platone nel Timeo.
L’esistenza di superstiti della razza atlantidea potrebbe giustificare anche un altro mito presente in quasi tutte le antiche civiltà, quello di esseri superiori che avrebbero dato l’avvio alla civiltà umana così come la conosciamo.

Tratto da: https://giuseppemerlino.wordpress.com/2014/05/14/razze-intelligenti-terrestri-prima-delluomo/

Svelati i primi segreti del manoscritto Voynich - "il libro più misterioso del mondo"

Confrontano i simboli contenuti nel misterioso manoscritto con altri linguaggi, un ricercatore della University of Bedfordshire è riuscito a decifrare una piccola parte del codice
(Foto: Beinecke Rare Book and Manuscript Library, Yale University)
(Foto: Beinecke Rare Book and Manuscript Library, Yale University)
È rimasto indecifrabile per secoli, il misterioso manoscritto Voynich, il codice medioevale acquistato agli inizi del Ventesimo secolo dal mercante di libri Wilfrid Voynich da un collegio gesuita italiano. Ma il manoscritto comincia a perdere parte del suo alone di mistero ora che Stephen Bax della University of Bedfordshire è riuscito a mettere insieme un minimo di alfabeto Voynich, abbinando alcuni dei simboli contenuti nel libro a dei suoni. E suggerendo che le origini del linguaggio usato per il codice rimandano all’Asia occidentale e non al Messico, come recentemente ipotizzato.
Gran parte del codice resta ancora oggi indecifrabile, visto che i simboli usati non sono riconducibili a nessun linguaggio noto, ma le analisi di Bax potrebbero essere la chiave di volta per portare alla luce quel che nasconde il manoscritto, denso di rappresentazioni botaniche, astronomiche e figure umane.
Per interpretarne il contenuto Bax ha analizzato alcune parole potenzialmente rappresentanti dei disegni, per via della loro collocazione, e le ha quindi confrontate con i nomi corrispondenti allo stesso disegno ma in altre lingue.
“Il manoscritto ha un sacco di illustrazioni di stelle e piante”ha dichiarato Bax, “Sono stato in grado di identificare alcuni di questi, con i loro nomi, cercando in manoscritti medievali a base di erbe in arabo e in altre lingue, e poi ho cominciato a decodificarli, con alcuni risultati entusiasmanti”.
(Foto: Beinecke Rare Book and Manuscript Library, Yale University)
(Foto: Beinecke Rare Book and Manuscript Library, Yale University)
Così, per esempio, racconta il New Scientist, una parola vicino  a una possibile rappresentazione di una pianta di ginepro è stata accostata alla parola “oror” scritta nell’alfabeto romano e quindi alla pronuncia “a’ra’r” del nome arabo usato per il ginepro. Alcuni simboli usati in questa parola sono quindi stati trovati anche in una rappresentazione di stelle nel libro, forse quella delle Pleiadi, nella costellazione del Toro, identificando un potenziale termine corrispondente alla parola Taurus.
Procedendo in questo modo Bax ha decodificato 14 simboli in tutto, riuscendo a leggere pochissime parole (come quelle per ginepro e Taurus, ma anche elleboro e coriandolo). Ancora pochi, ma lo scienziato spera di coinvolgere altri linguisti a lavorare sul suo metodo per mettere insieme un alfabeto Voynich completo. Per ora, conclude il ricercatore, le similitudini con il latino, il greco e l’arabo portano a credere che il manoscritto sia un trattato sulla natura originario delle regioni caucasiche dell’Asia occidentale.
Tratto da: http://www.wired.it/play/cultura/2014/02/24/segreti-manoscritto-voynich/

martedì 5 aprile 2016

Gli "Illuminati": ne esistono due fazioni in guerra da sempre (quello che non ti hanno mai detto)


Dedicato a chi è alla ricerca della Verità...

Se anche tu come noi riguardo l'argomento "Illuminati" hai sempre pensato che nelle varie teorie c'era sempre qualcosa che non ti tornava, devi assolutamente leggere questo articolo

“Gli Arconti vollero ingannare l’uomo, perché essi videro che egli aveva la stessa origine di quelli che sono veramente buoni. Essi presero il nome delle cose che sono buone e lo diedero alle cose che non sono buone, per potere, per mezzo dei nomi, ingannare gli uomini e legarli alle cose che non sono buone. E poi, se essi fanno loro un favore, li allontanano da ciò che non è buono e li collocano in ciò che è buono, quello che essi conoscono. Perché essi hanno deliberato di prendere l’uomo libero e fare di lui un loro schiavo, per sempre”.


ILLUMINATI – il nome che Adam Weishaupt, diede all’ORDINE DEI PERFETTIBILI – in realtà non partiva da costui, ma era ispirato a quello di una civiltà le cui origini affondano in tempi talmente lontani da essere considerate un mito già all’epoca degli antichi sumeri. La famiglia progenitrice di tutti gli Illuminati si chiamava CASA DEI PADRI, ORDINE DEGLI SPLENDENTI” o come venne ribattezzata in seguito ORDINE DEL SERPENTE. Da essa ebbero origine due diverse confraternite : la FRATELLANZA DEL SERPENTE eL’ORDINE DELL’ANTICO SERPENTE. Non vanno confuse tra loro perché hanno orientamenti morali completamente opposti. La prima ha infatti posto le basi della civilizzazione moderna ed è depositaria di una scienza antichissima basata sulle conoscenze esoteriche ereditate dalla CASA DEI PADRI. Filosofia, teosofia, teurgia, scienza, politica ed alfabeto, che favorirono lo sviluppo di tutte le altre civiltà, derivano appunto dalle loro conoscenze. Non tutti sanno ad esempio che Ur-Nammu, re di Ur, Akkad e Sumer, fondò proprio sul loro sistema culturale tutti quei codici e quelle leggi che ispirarono le generazioni successive e che sono fra i testi scritti più antichi mai ritrovati. Ur-Nammu è anche considerato il costruttore delle primissime Ziggurat, che sarebbero ispirate nella forma ai leggendari edifici dei PADRI.
Il secondo ramo, L’ORDINE DELL’ANTICO SERPENTE (che uso' un nome simile al primo anche per confondere ulteriormente le carte appropriandosi ulteriormente anche dell'aggettivo "antico" che non compete loro, è bene che lo sappiate) considerava invece le altre razze alla stregua di animali domestici.La mentalità della moderna élite degli Illuminati, i MORIAH, e la sua volontà di schiavizzazione e dominio, discendono da questo gruppo. Estremamente ambizioso e assetato di potere materiale, L’ORDINE DELL’ANTICO SERPENTE sfruttò le conoscenze superiori dei “PADRI” non per educare, ma per indottrinare e sottomettere le popolazioni. A questo scopo, i suoi membri iniziarono a praticare l’occultismo ed a creare sette e religioni dedite al culto delle EGREGORE (forme di energia negativa).
Dall’ORDINE DELL’ANTICO SERPENTE scaturirono varie confraternite, fra cui quella VERDE che diede origine al CULTO DEL SERPENTE e quella di Esculapio che giunse fino in Grecia, nonché la FRATELLANZA BABILONESE da cui si originò il ramo principale dei MORIAH, in cui sarebbero poi confluite tutte le altre confraternite. Gli Illuminati moderni, quelli di cui parlano la maggior parte delle teorie del complotto e che si starebbero gradualmente impadronendo della storia, della cultura, dei servizi di informazione, dei frutti del sudato lavoro di miliardi di persone nonché delle loro vite, sono i soli MORIAH. Moriah, che in ebraico significa ORDINE DI YHWH è il nome del monte su cui secondo il racconto biblico il “Dio”JAHWEH ingiunse ad Abramo di uccidere suo figlio Isacco e su cui, in seguito, Re Salomone costruì il famoso tempio, simbolo del regno e del potere di Gerusalemme (E già su Yahwe si potrebbe aprire tutto un altro capitolo su chi sia in realtà, gli informati sugli studi di Biglino e Sitchin sanno di cosa stiamo parlando).
Ed è proprio Gerusalemme la città che i MORIAH avrebbero intenzione di rendere capitale del mondo una volta instaurata la loro versione del NUOVO ORDINE MONDIALE.

Purtroppo gli SPLENDENTI hanno spesso dovuto subire gli effetti distruttivi della disinformazione operata dai MORIAH, volti ad aizzare contro di essi l’odio delle popolazioni, come nella santa inquisizione e nelle persecuzioni contro scienziati e religioni pagane. Persecuzioni che in qualche modo continuano ancora oggi.
Di conseguenza, ancora oggi molti teorici del complotto tendono in buona fede a scambiare i MORIAH con i veri ILLUMINATI. E’ lo stesso equivoco che portò gli autori della Bibbia a scambiare L’ANTICO SERPENTE – che voleva mantenere la razza di Adamo ed Eva nella schiavitù e nell’ignoranza facendosi adorare come un Dio – con la razza o Fratellanza del SERPENTE  che invece la civilizzò insegnandole l’agricoltura, la medicina e in seguito salvandola addirittura dal DILUVIO UNIVERSALE. (Il serpente di fatti originariamente è nato per essere il  simbolo della conoscenza e non del male come poi venne strumentalizzato, ugualmente alla Piramide, l'Occhio di Ra Il Pentacolo, eccetera ecc....)
Questa verità era ben conosciuta dai sumeri, tant’è che che nei loro miti distinguevano due culti del serpente : quello di ENLIL, il Signore dell’Aria, il Distruttore….e quello di ENKI, il signore della Terra, il Salvatore. (Per altre curiosità e approfondimenti vedere sempre gli studi di Biglino e Sitchin sulla bibbia del vecchio testamento).

Purtroppo gli ILLUMINATI DI MORIAH, violenti e privi di scrupoli, hanno preso il sopravvento sull’umanità negli ultimi secoli fino a questo momento, sfruttandone il fanatismo e la superstizione al fine di dividerla in una miriade di sette e di religioni. Tutte inconsapevolmente al loro servizio.

I VERI Illuminati (Fratellanza del Serpente o Splendenti) non mollano e continuano, seppur con fatica appunto negli ultimi secoli, a contrastarli e a perseguire il loro scopo di aiutare ogni individuo ad evolversi e a migliorarsi,  per mezzo della conoscenza di cui è depositario.

I veri Illuminati nella storia dovettero nascondersi sotto diversi nomi e operare in segreto a causa di ingiustificate persecuzioni originate anche dalla superstizione e dalla brama di potere dei regnanti del tempo, allarmati dai principi di uguaglianza che venivano insegnati dagli illuminati.

In realtà l’ordine degli illuminati ha da sempre insegnato che tutti gli uomini sono uguali e che l’umanità deve elevarsi e progredire verso una forma di società sempre migliore per approdare, infine, ad un modello di collettività dove regnino pace, uguaglianza, libertà e armonia.

In particolare l’ordine degli illuminati ha sempre sostenuto che solo migliorando ogni singolo individuo si può migliorare l’intera società.

Nel passato questi insegnamenti non sono mai stati compresi a fondo dai regnanti che spesso hanno intravisto in questo messaggio una minaccia rivoluzionaria in grado di indebolire il loro potere.

L’Ordine degli Illuminati autentico non ha mai diffuso idee rivoluzionarie in quanto, pur sostenendo che l’umanità giungerà ad instaurare una società perfetta, si è sempre proposto come laboratorio di preparazione per tutti gli uomini di buona volontà che desiderano prepararsi ad entrare in questa futura società mondiale idilliaca che sarà una conseguenza del naturale processo di evoluzione di ogni singolo individuo e che porterà all’evoluzione di tutta l’umanità.

Per migliaia di anni tutti coloro che hanno governato l’umanità si sono arrogati il diritto di reprimere qualsiasi corrente di pensiero che potesse mettere in discussione la loro autorità. Questo comportamento è stato infelicemente adottato anche nella religione.

A motivo dell’affermazione di questa supremazia da parte della politica e della religione migliaia di illuminati persero la vita, ferocemente messi a morte, vittime del pregiudizio e dell’ignoranza. (Un esempio su tutti Giordano Bruno).

Ma l’esperienza storica e ciclica insegna che l’evoluzione dell’umanità non può essere fermata dalle ingiustizie.

Ecco la ragione che ha spinto gli illuminati di tutte le epoche a non fermarsi, continuando anche nell’ombra a lavorare per preparare ogni individuo al miglioramento interiore, convinti che insegnando ad ogni singolo individuo la strada del miglioramento interiore si finirà per migliorare l’intera umanità.

Fin dall’antichità il fine ultimo dell’ordine non è mai stato quello di dominare l’umanità ma bensì l’elevazione di ogni individuo fino a condurlo sulla strada dell’illuminazione. Solo l’illuminazione può infatti partecipare concretamente alla creazione di uomini e donne ispirati in grado di agire con giustizia ed equilibrio. Solamente creando questo tipo di persone si può generare una società che considera primario il benessere spirituale e materiale dell’umanità.

Infine anche quando si parla del "Nuovo Ordine Mondiale" quindi, bisogna tenere bene a mente che questo si è uno scopo comune a entrambe le fazioni dei  "Veri Illuminati" e degli "illuminati di Moriah", ma la loro concezione dello stesso è del tutto opposta l'una all'altra... 

La prima (Splendenti) auspica a una società organizzata idilliaca dove regnino pace, uguaglianza, libertà e armonia, mentre la seconda (Moriah) punta, come abbiamo già detto, ad affermare un mondo dove un unica Elitè domina sfrutta e schiavizza l'intera umanità ritenuta del tutto diversa da loro, dei veri e propri esseri inferiori. Potete rendervi conto già da ora anche nella Politica e Geopolitica chi è a favore da una o dall'altra parte, in merito esistono altri studi e report di altri ricercatori autentici di verità.

Fate ben attenzione d'ora in poi a discernere quindi e a capire quando una notizia, un azione, una parola o qualsiasi cosa possa venire "da una parte o dall'altra" e non fatevi strumentalizzare cascando nel tranello dei Moriah che sanno confondere abilmente le carte, insinuano dubbi e vi fanno credere "una cosa per l'altra", loro sono specializzati in questa arte.

Anche se negli ultimi anni stanno ricevendo vari colpi fatali e probabilmente sono destinati a fallire, ancora c'è molto da combattere e da stare attenti, ma ora sappiamo da che parte stare e che non siamo mai stati realmente soli e senza speranze come ci hanno voluto far credere i Moriah. Probabilmente molti avranno da ridire anche su questo articolo, noi vi chiediamo solo di ascoltare cosa dice il vostro "istinto" e di informarvi ulteriormente da voi stessi sugli argomenti, i termini e i temi trattati in questo articolo cosi da potervi fare un idea propria e accertarvi di quanto scritto qui.

Grazie agli "Illuminati Splendenti".
The Tonic Express

Tratto da: http://www.thetonicexpress.com/home/gli-illuminati-ne-esistono-due-fazioni-in-guerra-da-sempre-quello-che-non-ti-hanno-mai-detto

domenica 3 aprile 2016

Ciò che si nasconde DAVVERO sotto le trivelle (e che quasi nessuno dice)

L’ing. Angelo Parisi, membro del Comitato Scientifico del CETRI, ci spiega argutamente la vera ragione per cui i petro gasieri hanno voluto la norma che permette l’allungamento della concessione fino ad esaurimento del giacimento. Perchè hanno una “franchigia al di sotto della quale non pagano royalties, e quindi hanno tutto l’interesse ad estrarre a ritmi bassissimi per non sforare la franchigia, e quindi preferiscono sforare i 30 anni della concessione. Questa franchigia generosamente concessa dallo Stato gli permette peraltro di non pagare royalties che sono già vergognosamente basse. Leggere per credere. Il CETRI ringrazia Angelo per il suo infaticabile preciso e costante lavoro di esplorazione e scoperta della verità nel mondo dell’energia.
Ciò che si nasconde DAVVERO sotto le trivelle (e che quasi nessuno dice)
Il governo italiano, con una scelta discutibile, ha fissato al 17 aprile la data del referendum abrogativo sulle piattaforme petrolifere promosso da 9 regioni italiane.
L’oggetto del referendum è la norma introdotta con l’ultima finanziaria che consente alle società concessionarie del diritto di coltivazione dei giacimenti petroliferi a mare entro le 12 miglia marine di poter sfruttare i giacimenti fino al loro esaurimento, anche se entro le 12 miglia resta vietata la concessione di nuove concessioni di ricerca e coltivazione.
Per i fautori del no questa norma è logica in quanto per loro non ha senso “tappare” il foro mentre c’è ancora gas e petrolio da estrarre e inoltre dicono che una vittoria dei si sarebbe pericolosa in quanto bloccherebbe un settore in cui siamo all’avanguardia e si creerebbero migliaia di disoccupati. Insomma nulla di nuovo. Quando si tratta delle fonti fossili, ogni modifica che non piace ai signori del petrolio viene immediatamente bloccato un settore in cui siamo all’avanguardia, produce migliaia di disoccupati, genera piaghe bibliche e catastrofi galattiche…. Il solito ricatto  contro lavoro, ambiente e salute.
Altri argomenti citati dai fautori del no riguardano l’aumento delle importazioni dall’estero con il conseguente incremento del numero di petroliere che circolano sui nostri mari e approdano sui nostri porti. In pratica sostengono che gli effetti sull’ambiente provocati dallo stop alle piattaforme entro le 12 miglia marine sarebbero peggiori di quelli che produrrebbero delle piattaforme vecchie di 40 o 50 anni che pompano gas e petrolio dal fondo del mare.

Inoltre i fautori del no ricordano che la vittoria del si al referendum non comporterebbe un divieto alle trivelle e nemmeno alle piattaforme oltre le 12 miglia marine. Per questo accusano i comitati No Triv di truffare gli elettori.
Ma è veramente così?
Assolutamente NO!
Intanto i signori del no devono mettersi d’accordo con loro stessi. Infatti da una parte sostengono che questo referendum è inutile e non produrrà uno stop alle piattaforme e alle trivelle e che quindi presentarlo in questo modo è falso e truffaldino, mentre dall’altra parte dicono che una vittoria dei SI produrrebbe una catastrofe nazionale. Insomma devono spiegare come può essere che un referendum inutile e che non stoppa affatto piattaforme e trivelle, possa bloccare l’intero settore, far scappare tutte le società petrolifere dall’Italia, far perdere miliardi di investimenti, migliaia di posti di lavoro, aumentare le importazioni di petrolio e gas dall’estero e produrre un incremento dei costi della bolletta energetica?

In pratica è come se dicessero che un moscerino che si posa su un grattacielo ne provoca il crollo.
Inoltre i signori del no sostengono che dalle piattaforme si estrae prevalentemente gas, ma poi dicono che la vittoria del si producendo uno stop immediato alle estrazioni, farebbe si che aumenti il traffico di petroliere. Tutto questo è puro allarmismo verbale. Innanzitutto vorrei ricordare che il gas non arriva con le petroliere, ma con i gasdotti, e (in rarissimi casi) con le navi gasiere  in forma di Gas Naturale Liquido (LNG). Quindi non si vede che ci azzeccano le petroliere. Diciamo che i fautori del no sono un tantino confusi. In secondo luogo in caso di vittoria dei SI gli impianti non verrebbero bloccati immediatamente ma a termine, con l’arrivo a scadenza delle concessioni.
Ma allora perché i signori del no raccontano queste falsità? E cosa si nasconde veramente sotto il loro desiderio di procrastinare le concessioni?
Intanto è bene chiarire subito che il referendum interesserà in modo diretto solo diciassette concessioni da cui si estrae il 2,1 % dei consumi nazionali di gas e  lo 0,8 % dei consumi nazionali di petrolio gas. Bruscolini che anche se dovessero venire a mancare da un giorno all’altro, come sostengono i signori del no, (ma, ripetiamo, NON è così)  non succederebbe nulla di grave e al calo di estrazioni si potrebbe benissimo fare fronte con un minimo di risparmio energetico (quindi incentivando un comportamento virtuoso. Certo se invece vogliamo continuare a sprecare energia prodotta con fonti fossili, allora non basteranno tutti i giacimenti del mondo a coprire il fabbisogno.
Ma, come detto, la vittoria del si non comporterà uno stop immediato delle piattaforme che, purtroppo, continueranno a restare al loro posto fino alla scadenza della concessione e quindi non c’è alcun pericolo per il fabbisogno nazionale e nessuna perdita di posti di lavoro, che sono pochissimi, spesso di tecnici specializzati stranieri, e che scadrebbero al termine del contratto.

Quindi si ritorna alla domanda posta in precedenza: cosa temono i fautori del no?
Temono due cose.
Primo, che passi il messaggio che possiamo fare a meno del petrolio e che possiamo produrci l’energia di cui abbiamo bisogno in altro modo senza continuare a dare soldi ai petrolieri.
Secondo, che passi un altro principio, ben più importante per loro, quello per cui le concessioni scadono.
Infatti ci sono alcune cose che i signori del no ci tengono nascoste tentando di distogliere l’attenzione da esse per puntarla verso la catastrofe prodotta dalla vittoria del si e la perdita di migliaia di posti di lavoro.
Le paroline magiche che non pronunciano mai i signori del no sono due: royalty e franchigia.
Cosa sono le royalty?
Sono delle quote in denaro che le compagnie petrolifere versano ogni anno allo stato, alle regioni e ai comuni per lo sfruttamento delle risorse petrolifere. Infatti in Italia le risorse petrolifere sono un bene indisponibile dello Stato, questo vuol dire che il petrolio e il gas dei giacimenti è di proprietà pubblica: tutti noi siamo proprietari di una quota di petrolio e di gas stoccati nei giacimenti.
Lo stato però non si occupa direttamente di estrarre queste risorse e “concede” dei titoli di sfruttamento di tali risorse a dei soggetti privati, i quali sostengono i costi per la ricerca e per la costruzione delle infrastruture necessarie alla loro estrazione. In cambio pagano ai “proprietari” delle risorse, noi tutti, una quota percentuale del valore di quanto estratto.
Il problema riguarda la percentuale che viene pagata. Tale percentuale, come si può vedere dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico, è pari al 7% per l’estrazione di gas e di olio a terra e del 4% per l’estrazione di olio in mare, a cui sommare una quota del 3% da destinare al fondo per la riduzione del prezzo dei prodotti petroliferi se la risorsa è estratta sulla terraferma o per la sicurezza e l’ambiente se estratti in mare. (http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/royalties/indicazioni_destinazione.asp)
Se si pensa che in altri Paesi le royalty difficilmente scendono al di sotto del 30%, si capisce benissimo il grande regalo che noi facciamo ogni anno ai petrolieri.
La seconda parolina magica, come detto, è franchigia.
Che cos’è?
La franchigia è una quota annua di gas e petrolio estratti da ogni giacimento sulla quale non si calcolano royalty.
Sempre dal sito del Ministero dello Sviluppo Economico si evince che le franchigie sono pari a:
  • 20.000 t di petrolio estratto a terra
  • 50.000 t di petrolio estratto in mare
  • 25 Milioni di mc di gas estratto a terra
  • 80 Milioni di mc di gas estratto in mare
Questo significa che se i titolari delle concessioni ogni anno e da ogni giacimento estraggono un quantitativo di gas e di petrolio pari o inferiore alle franchigie non versano nessuna royalty allo stato.
E naturalmente l’interesse dei titolari delle concessioni è quello di pagare meno royalty possibile. Ecco perché dando loro la possibilità di prorogare la durata delle concessioni fino all’esaurimento dei giacimenti, non si fa altro che dir loro: “estraete meno che potete e non versate nemmeno un Euro di royalty, tanto avete tutto il tempo che volete per sfruttare il giacimento”.
A tutto questo, come se non bastasse, bisogna aggiungere il fatto che in pratica a comunicare le quantità di petrolio e gas estratte sono gli stessi concessionari con un’autocertificazione che nessuno controlla.
Non a caso nel 2010 la Cygam Energy, una società petrolifera canadese, in un suo dossier raccomandava di investire in Italia perché “la struttura italiana delle royalty è una delle migliori al mondo”. Tradotto: “Andiamo a trivellare in Italia perché gli italiani sono degli idioti!”
Da quanto detto si capisce come questa norma sia tutta a favore dei titolari delle concessioni e poco della collettività che oltre a incassare poco o nulla dallo sfruttamento di un bene indisponibile dovrà subire tutte le conseguenze derivanti dalle attività di estrazione, incidenti compresi.

Altro che benessere per la collettività.
Ecco cosa si nasconde veramente sotto le trivelle ed ecco il motivo per cui il 17 aprile bisogna andare a votare e votare SI!

Tratto da: http://cetri-tires.org/press/2016/cio-che-si-nasconde-davvero-sotto-le-trivelle-e-che-quasi-nessuno-dice/

video trivelle
video trivelle